I bambini dell'Hotel Terezin




I signori con la cravatta erano gentili
si abbassarono alla nostra altezza
noi facemmo l'inchino
e offrimmo sardine.

Quando si chiuse l'ultimo sipario
si scusarono
che per loro si era fatto tardi
e dovevano tornare dai loro bambini
ringraziarono gli squali
e ci mandarono un bacio d'addio.

Quando i riflettori si spensero
gli infermieri ci tolsero i vestiti puliti
si ripresero le sardine
e ci fecero entrare.

Dentro le scatolette
era freddo e buio
così, quando ci caricarono sul treno
non vedemmo l'ultimo prato.

Poi la locomotiva prese il largo
e tutto divenne fumo.



Tratta dalla raccolta: L'Ultima notte del mondo, 2007 Editori della Peste.


Torna alla prima pagina e lascia un commento